Quando viene il bello

Razionale si dice di qualcosa che segue un ragionamento logico, che dopo un processo di sequenze non porta ad imprevisti ma ad un risultato ovvio ed univoco.

Beh, grandioso.
Pensare di avere uno strumento utile come la ragione, sempre a disposizione fin da quando veniamo al mondo, non può che essere una cosa bellissima.
E invece no. Col passare degli anni l’uomo subisce inevitabilmente un aggiornamento, che consiste nella capacità di complicare tutto il complicabile, utilizzando uno strumento semplicissimo quanto efficace. Il pensiero.

Il pensiero si produce indipendentemente dalla nostra volontà. Non siamo noi a decidere quanto pensare, e cosa pensare. Lui va per la sua strada. Quand’ero piccola a volte immaginavo di avere una specie di proiettore con le diapositive in testa, di quelli vecchio stile con i quadratini con i lucidi. Era lui che rappresentava nel mio cervello ciò che io pensavo, anche le cose più stupide, anche quando dovevo semplicemente fare un’operazione a mente, compariva il calcolo sul lucido.

Bene. Poi però diventi grande e chiaramente diventa tutto più complesso. La mole di lavoro del proiettore cresce a dismisura, soprattutto se sei una persona che vuole stare al passo coi tempi, che studia, che viaggia.
Per di più subisce un upgrade che gli consente di connettersi con i proiettori degli altri. Interagisce con i lucidi delle persone che conosci, li confronta, decide se gli piacciono o meno. E facendo questo, lentamente, crea insieme a te quella che normalmente chiamiamo vita.

E allora comincia il bello.
Che fai? Dai retta al proiettore, sempre attivo e forte di tante esperienze, oppure ti lanci nel circuito limbico, quel minuscolo pezzettino di cervello in grado di mandarti in tilt solo con le emozioni? Che domandona.

Io una risposta non ce l’ho. So solo che fino ad ora sono sempre stata molto affezionata al mio proiettore. Non sempre ho fatto bene, ne sono consapevole.
Ma mi ha visto nascere…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Spunti di riflessione, Vita vissuta. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...